TENSINT - ENGINEERING & SERVICES.

case in legno

Caratteristiche del sistema costruttivo e degli elementi tecnici previsto in progetto

Il sistema costruttivo di progetto si caratterizza, per la realizzazione delle strutture fuori terra, per l’utilizzo di tecnologia costruttiva pre-assemblata a secco basata su sistema portante verticale con pilastri prefabbricati in c.a, travi e solai in legno lamellare, pareti esterne a telaio in legno lamellare preassemblate in stabilimento, pareti divisorie tra unità immobiliari realizzate con sistema a secco in cartongesso (doppia lastra) a doppio telaio metallico con interposto strato isolante e pannello di irrigidimento in fibrocemento ecologico, pareti divisorie interne alle unità immobiliari realizzate con sistema a secco in cartongesso (doppia lastra) con singolo telaio metallico ed interposto strato isolante.

 

Principali caratteristiche del sistema costruttivo:

La proposta tecnica è caratterizzata dalle seguenti caratteristiche significative:

-       Ottimizzazione energetica derivanti dall’utilizzo del legno (eliminazione dei ponti termici)

-       Ottimizzazione della trasmittanza delle partizioni esterne (orizzontali e verticali)

-       Ottimizzazione dei requisiti acustici passivi delle partizioni esterne  e delle partizioni interne tra alloggi

-       Ottimizzazione della Classe energetica del Fabbricato;

-       Ottimizzazione della sostenibilità dell’intervento mediante l’utilizzo di materiali e sistemi costruttivi a basso impatto energetico e con alto grado di riciclabilità.

 

La tecnologia costruttiva dell’edificio proposta è basata su un sistema di pareti non portanti a telaio di legno lamellare con interposto strato isolante e con ulteriore strato coibente continuo esterno (lana di legno mineralizzato) con finitura esterna a rasatura. Tale soluzione permette la drastica riduzione delle dispersioni e dei ponti termici in quanto tutte le strutture risultano di fatto “incapsulate” all’interno dello strato coibente esterno continuo.

La soluzione costruttiva adottata prevede anche l’arretramento dei pilastri rispetto alla muratura esterna permettendo di eliminare completamente i ponti termici di costruzione presenti nel progetto di appalto.

La soluzione adottata per le pareti esterne, consente di aumentare le caratteristiche prestazionali in relazione alla necessità di contenere i consumi energetici globali dell’opera.

Per quanto concerne la realizzazione degli orizzontamenti, il sistema proposto ricorre all’utilizzo di elementi pieni in legno lamellare, sostenuti in appoggio da travi in legno lamellare a sezione rettangolare.

L’adozione del legno per tutte le strutture orizzontali permette di diminuire in partenza la possibilità di generare ponti termici di costruzione. Vengono in aggiunta previste placcature coibentate interne in cartongesso per tutte le strutture che possano avere collegamenti interno-esterno. Si prevede in aggiunta di realizzare un apposito taglio termico delle strutture in corrispondenza degli sbalzi mediante l’inserimento di pannello coibente tra elementi di solaio adiacenti.

 

La tecnologia costruttiva proposta garantisce in definitiva i seguenti vantaggi:

 

− elevati valori di isolamento termico diffuso rispetto ad altri materiali da costruzione (per la naturale composizione del legno);

 

− attestata protezione antincendio della struttura come da prescrizioni progettuali e da normativa attualmente in vigore in materia antincendio (REI 60 grazie agli spessori richiesti dalle esigenze statiche);

 

− elevati valori di  isolamento acustico;

 

− alti valori di inerzia termica (massa con capacità di accumulo del calore) che minimizza l’oscillazione delle temperature garantendo una protezione degli ambienti dal surriscaldamento estivo;

 

− stabilità dimensionale, rigonfiamento e ritiro trascurabili (incollaggio multistrato);

 

− possibilità di mantenere a vista il lato l’intradosso dei solai quale elemento di compensazione termo igrometrica e di qualità visiva, nonché avere un effetto positivo sul benessere abitativo delle persone.

 

Il legno a vista è un naturale regolatore dei parametri igrometrici dell’ambiente, permettendo la riduzione sensibile di fenomeni di muffe o umidità, anche in presenza di forti carichi di umidità relativa dell’aria nei locali abitati.

 

La tecnologia a secco pre-assemblata garantisce la possibilità di controllare efficientemente durante la fase di produzione e montaggio la congruenza di quanto realizzato rispetto a quanto progettato, garantendo l’effettivo soddisfacimento dei requisiti fisici-tecnici prestazionali iniziali.

 

 

 

Le proprietà dei materiali e delle tecnologie costruttive previste assicurano valori di trasmittanza termica inferiori rispetto alle previsioni normative. In particolare, le pareti perimetrali esterne consentono di raggiungere un valore di trasmittanza di circa 0,20 W/mqK e un valore complessivo di sfasamento dell’onda termica in regime estivo di 12 h.

 

La struttura del coperto proposta prevede una tecnologia di ventilazione con camera d’aria di 6 cm che garantisce un comportamento ottimale per la protezione dal riscaldamento estivo, mentre l’elevato spessore di isolamento termico in lana di roccia garantisce una trasmittanza termica pari a circa 0,14 W/mqK. La struttura del primo solaio che separa il primo piano dalle autorimesse del piano terra prevede la realizzazione di un cappotto in polistirene (spessore mm 70). L’impiego di legno pieno nella realizzazione degli elementi portanti di pareti e solai e l’assenza di pilastri, sostituita da setti interni, consente la totale eliminazione dei ponti termici sia orizzontali che verticali. Allo stesso modo l’omogeneità dell’involucro così costituito, abbinato all’elevata inerzia termica dei materiali utilizzati, capaci di conservare e rilasciare gradualmente il calore accumulato, consentono di ottenere un ottimo livello di comfort ambientale.